Skip to main content


Il thread di Stefania Maurizi su twitter:

Vi voglio spiegare perché negli USA Julian # NON ha alcuna chance di avere un "fair trial", come si dice in inglese: un giusto processo. Se ve lo spiego in termini elementari, senza complesse argomentazioni tecniche, anche un bambino può capirlo.

Julian # è incriminato con l'Espionage Act: è la prima volta nella Storia degli Stati Uniti che un giornalista/editore viene incriminato con esso. Mentre sono state incriminate varie fonti giornalistiche/whistleblower,quindi abbiamo precedenti nel caso delle FONTI

L'Espionage Act NON consente un *fair trial* (giusto processo) perché non consente la difesa alla base di qualsiasi lavoro giornalistico: il PUBBLICO INTERESSE

L'Espionage Act NON permette a un giornalista o una fonte giornalistica di dire: sì, ho rivelato documenti segreti,ma l'ho fatto nel PUBBLICO INTERESSE per far conoscere fatti gravissimi, come crimini di guerra, torture, che l'opinione pubblica deve assolutamente conoscere

L'Espionage Act NON consente ALCUNA difesa, ecco perché questa legge brutale del 1917 NON è mai stata usata contro i giornalisti in tutta la Storia degli Stati Uniti, nonostante i tentativi, tra cui quelli di un famigerato presidente,Nixon

Ecco perché TUTTE le organizzazioni per i diritti umani,civili, libertà di stampa sono in allarme:il caso Julian # apre il vaso di Pandora, che avrà un effetto domino sulla libertà di stampa

Gli Stati Uniti sono stati guidati da presidenti come Nixon che avevano un odio tremendo per il Quarto Potere: Nixon incriminò con Espionage Act il grande whistleblower dei Pentagon Papers,Daniel Ellsberg,che noi abbiamo intervistato qui.

Ellsberg era whistleblower, una fonte giornalistica, che passò a # e # 7mila documenti top secret sulla guerra in Vietnam. Amm. Nixon lo incriminò con Espionage Act,Ellsberg si salvò SOLO perché processo crollò,NON aveva alcuna chance di difendersi

Ellsberg si salvò NON perché ebbe "fair trial"(giusto processo),NON è possibile averne uno con l'Espionage Act,perché elimina l'UNICA difesa su cui può contare un giornalista: il PUBBLICO INTERESSE

E infatti quando #, ovvero fonte giornalistica) fu incriminato con Espionage Act, Daniel Ellsberg scrisse questo editoriale per il Guardian,spiegando perché NON ha alcuna chance di avere un giusto processo [VEDI ARCHIVIO].

Vi faccio un altro esempio di fonte giornalistica incriminata con Espionage Act: John Kiriakou, l'unico agente # finito in carcere per le torture. Sì, ma NON perché le ha fatte(si rifiutò),ma perché ne parlò pubblicamente. Fu incriminato con Espionage Act da Amm. Obama

Nel tentativo di difendersi,John Kiriakou arruolò avvocato di O.J.Simpson,che aveva un record:MAI persa una causa. Bene l'avvocato di O.J.Simpson,gli disse che non aveva alcuna chance,perché processo con Espionage Act nella Easter District of Virginia è IMPOSSIBILE da vincere

E infatti John Kiriakou fu condannato: padre di 5 figli, fece 30 mesi di galera e bancarotta.L'unico agente CIA condannato per le torture, NON perché le praticò,ma perché, dopo essersi rifiutato,parlò pubblicamente del waterboarding. I torturatori, invece, liberi come l'aria

Julian #, incriminato con Espionage Act nella Eastern District of Virginia (EDVA),NON ha alcuna chance di avere un *fair trial* e chi scrive il contrario, o non sa quello che scrive o la sua corruzione intellettuale grida vendetta

Qui il tweet iniziale:
https://twitter.com/SMaurizi/status/1538450901794541568
This entry was edited (2 weeks ago)
grazie per la condivisione, è pure peggio di quanto immaginassi!

Informa Pirata reshared this.



Per l'eccezionale coraggio dimostrato contro il gigantesco apparato autoritario della Russia di Putin, #Navalny si è strameritato il #SakharovPrize.
L'Europa deve impegnarsi per la sua libertà.
Neanche oggi però possiamo fare a meno di pensare al nostro #Assange, tabù dell'Europa.

È giusto contrapporre #Navalny ad #Assange? No.
Tuttavia è giusto contrapporre l'atteggiamento favorevole dell'Europa nei confronti del primo e violentemente ostile verso il secondo.
Questo strabismo è ingiusto e presta argomenti ai detrattori di #Navalny!

E sia chiaro: chi afferma che #Navalny è un burattino della #CIA, che non è un dissidente e che è in galera per reati comuni, ricorda molto chi sostiene che #Assange sia un burattino di #Putin, che non sia un giornalista e che è in galera solo per aver violato la libertà vigilata.

Ogni dissidente, ogni rivoluzionario, ogni uomo che con il proprio coraggio hackera il sistema, troverà sempre nemici potenti che, quando non riescono a ucciderlo, cercheranno di infangarlo o di sminuirne le imprese.
Evitare tale trappola è il primo dovere morale di un cittadino.

È umano: quando abbiamo davanti agli occhi un uomo coraggioso, è la nostra vergogna a farci declinare lo sguardo per concentrarci sui vizi e i difetti di quella persona, mentre dovremmo sorprenderci e fermarci ad ammirare quante e quali inaspettate forme assuma il coraggio umano!

https://twitter.com/informapirata/status/1450921677135781888
però Navalny è un fascista razzista. Non paragoniamolo per nessun motivo ad Assange