Skip to main content


Se la #Academi (già #Blackwater) intervenisse in Ucraina per respingere i contingenti filorussi operativi nel #Donbass, o se la #AirScan intercettasse i bombardieri cinesi in ricognizione sopra #Taiwan, una tale notizia non si limiterebbe probabilmente al rilancio della notizia su Analisi Difesa o su EDR Magazine, ma travalicherebbe di certo la stampa di settore.

Quando invece si tratta di #Microsoft o #Google che intervengono sul campo per combattere attacchi informatici che si configurano come veri e propri atti ostili, l'attenzione non è altrettanto alta e possiamo trovare queste notizie soltanto perché Sergiu Gatlan o Pierluigi Paganini ne scrivono su Bleepin Computer o su Security Affairs.

In effetti è incredibile come ci si ostini a non considerare ancora pienamente quanto sia reale ciò che è digitale.

Di seguito gli articoli citati:

Google ha annunciato di aver interrotto la botnet Glupteba, un'enorme infrastruttura, composta da oltre 1mln di PC Windows, e ha anche citato in giudizio i russi Dmitry Starovikov e Alexander Filippov per aver creato e gestito la botnet.
Di Pierluigi #Paganini su #securityaffairs
https://securityaffairs.co/wordpress/125377/malware/glupteba-botnet-take-down.html

Microsoft ha sequestrato dozzine di siti dannosi utilizzati per attaccare organizzazioni in USA e in altri 28 paesi soprattutto in Europa e America Latina.
L'attore della minaccia Nickel ha compromesso server di organizzazioni governative, entità diplomatiche e ONG.
Di Sergiu #Gatlan su #BleepinComputer
https://www.bleepingcomputer.com/news/microsoft/microsoft-seizes-sites-used-by-apt15-chinese-state-hackers/


BigTech complice dei regimi - Il thread di Alexey #Navalny su #Twitter


Se qualcosa mi ha sorpreso nelle ultime elezioni, non è stato come Putin ha forgiato i risultati, ma come l'onnipotente Big Tech si è trasformato obbedientemente nei suoi complici.
I giganti #Apple e #Google hanno soddisfatto le richieste del Cremlino e rimosso la nostra app dai loro negozi. Il mio amato YouTube ha cancellato il nostro video e il messenger di Telegram ha bloccato il nostro bot.
Questi programmi, che Putin definisce "estremisti", contenevano solo informazioni sui candidati dell'opposizione nel vostro collegio elettorale.
Per legge e buon senso, ognuno di noi ha il diritto di fare campagna elettorale per votare (o non votare) per qualsiasi candidato.
Nel nostro caso, l'intenzione stessa di organizzare gli elettori al fine di esercitare una pressione competitiva sul partito di governo è stata dichiarata criminale e Big Tech ha concordato con questo.
Ciò significa che riconosce il diritto di un ladro autoritario di soggiogare Internet, trasformandolo in uno strumento di presa del potere.
Una cosa è quando i monopolisti di Internet sono governati da simpatici nerd amanti della libertà con solidi principi di vita.
È completamente diverso quando i loro responsabili sono sia codardi che avidi.
Una delle sfide moderne è che i falsi profeti ora vengono da noi non travestiti da pecore, ma con felpe con cappuccio e jeans allungati. In piedi davanti ai grandi schermi, ci raccontano di "rendere il mondo un posto migliore", ma dentro sono bugiardi e ipocriti.
I media scrivono che il Cremlino ha costretto Big Tech a fare concessioni mostrando loro un elenco dei loro dipendenti da arrestare. Se è così, tacere è il peggior crimine. Questo è l'incoraggiamento di un terrorista che prende ostaggi.
So che la maggior parte di coloro che lavorano in Google, Apple, ecc. sono persone oneste e buone. Li esorto a non sopportare la codardia dei loro capi.
Non posso fare a meno di dire che sono terribilmente turbato e deluso da Pavel #Durov da Telegram. Non mi aspettavo di vederlo nella lista dei "blockers" di Putin.
Non molto tempo fa, ho parlato a una manifestazione contro il blocco dello stesso Telegram da parte del Cremlino.
E l'avrei fatto di nuovo, tra l'altro. Il fatto che qualcuno tradisca i propri principi non significa che dovremmo dubitare dei nostri.



.


SudCorea Vs Google


Dopo il #TelecommunicationsBusinessAct, un altro affronto della #Corea a #Google: 177mln$ dall'Antitrust per aver costretto i produttori di smartphone e tablet a usare solo alcune versioni di Android, malgrado fosse open source
Di Marco #DellAguzzo su #StartMag
https://www.startmag.it/innovazione/multa-google-corea-del-sud-android/
cc @informaPirata