Skip to main content

bluoltremauri reshared this.


In questo strano mondo impazzito dal cambiamento climatico c'è comunque qualcosa che mi fa piacere durante questa primavera anticipata. In giardino sono nati spontaneamente tutti questi fiorellini e attirano un sacco di apine per fare la spesa di polline. Resto ipnotizzato nel guardarle così indaffarate a ronzare da un fiore all'altro.

#Giardino #Api #Natura #Primavera #Bee #Garden #Nature #ClimaImpazzito #DiamociUnaRegolata

reshared this


bluoltremauri reshared this.


Non so cosa mi sia preso, ma dopo anni mi è tornata la voglia di finire una volta per tutte Final Fantasy XV. È già retrogaming?

#FinalFantasy #Recuperone

bluoltremauri reshared this.

in reply to bluoltremauri

ne vale la pena? L’ho sempre snobbato, ma tendo a farlo troppo spesso 😅
in reply to scaglio

@scaglio Io mi diverto ma ho aspettato a proseguire perché aggiungevano pezzi di trama a ogni aggiornamento. Per fortuna avevo preso l'edizione Royal con inclusi anche i DLC, ma quelli vanno giocati dopo. Però prima bisogna guardare il film Kingslaive. Poi hanno annullato un DLC importante e l'hanno distribuito come romanzo mi sembra ma non ho capito se è arrivato in italiano. Insomma, visivamente splendido, divertente da giocare, ma sulla storia non mi so ancora pronunciare. 😅

Maurizio Carnago reshared this.


Un interessante articolo de Il Post su Dune.
Denis Villeneuve: "il romanzo è stato a lungo considerato impossibile da adattare. Perché è raccontato con molti monologhi interiori, pieno di spiegazioni e di dettagli che in un film commerciale tradizionale, uno che segua tutte le regole delle sceneggiature e della messa in scena classica di Hollywood, non funzionerebbero. Nel momento in cui questo Dune è diventato un progetto con ambizioni artistiche diverse dal solito tutto è cambiato: «Il film poteva facilmente crollare sotto il peso di tantissime spiegazioni fatte a parole. E abbiamo preso tutta una serie di decisioni fin dall’inizio per evitarlo». Queste scelte includono per esempio focalizzarsi sempre sul protagonista e seguire più che altro lui, nonostante ci siano moltissimi altri personaggi."

bluoltremauri reshared this.


Bingewatchare o non bingewatchare Gundam 08th MS Team? Ho appena scoperto che tutta la serie è su Prime Video finalmente doppiata in italiano, ed è tra le mie preferite.

#Gundam #Anime #Fantascienza #SciFi #Mecha #Robottoni

reshared this


bluoltremauri reshared this.


Ci ha lasciati Alfredo Castelli


Se avete letto o visto qualcosa che vi sia piaciuto, molto probabilmente è stato scritto o influenzato da lui, in maniera più o meno esplicita. Un uomo di cultura straordinaria e incredibile umiltà. L'ho conosciuto pochissimo personalmente, ma le volte che l'ho incontrato è stato un grandissimo piacere scambiare due (beh, forse molte, molte di più, visto il personaggio) chiacchiere con lui. Grazie, Alfredo.

Voi che ricordo avete di questo gigante del fumetto?

reshared this



La fantascienza tranquilla e accogliente: il Cosypunk


Non conoscevo questo ulteriore sottogenere della fantascienza, ma devo dire che mi incuriosisce moltissimo.

Dal sottotitolo dell'articolo:

Non c’è da salvare il mondo, non ci sono personaggi cattivi, non ci sono superuomini o supereroi, ma persone tranquille, semplici. Benvenuti nella fantascienza accogliente.

https://www.fantascienza.com/29553/cosypunk-la-nuova-frontiera-della-fantascienza

@L’angolo del lettore
@Fantascienza
@Libri - Gruppo Forum


bluoltremauri reshared this.


per i vent’anni di facebook ho scritto di cos’è oggi e di cos’è stato, ma soprattutto di tutto quello che questo social network ha cambiato e non è riuscito a (o non ha voluto) fare per i suoi miliardi di utenti 👇👩‍💻

https://www.ilpost.it/2024/02/04/20-anni-facebook/

in reply to Viola Stefanello 👩‍💻 Poliverso - notizie dal fediverso reshared this.

bell'articolo! È in piano la creazione di un'utenza ufficiale de Il Post qui su Mastodon? Grazie

reshared this

Unknown parent

DigiDavidex :kde:
@Adry48
Quell'algoritmo una droga, io ne sono uscito l'anno scorso

bluoltremauri reshared this.


Ciao! Mi chiamo Matilde e disegno compulsivamente ovunque. Ho deciso sotto consiglio di @lookacomics di iniziare a postare e a curiosare qui su livello segreto per cercare di avere esperienze meno ansiose coi social 🐸
Ecco alcuni esempi casuali di quello che mi piace disegnare:
in reply to Matilde Caboni

Ciao e benvenuta. Sono curioso di vedere altri tuoi disegni. Quelli che hai messo qui mi piacciono molto
@lookacomics @scaffarini
in reply to Matilde Caboni

@Matilde Caboni
Brava, benvenuta e ottimo modo per cominciare a socializzare digitalmente parlando. Sarà che sono reduce fresco dalla mostra di Tim Burton a Torino, ma alcuni disegni mi ricordano un po' i suoi bozzetti che ho visto esposti, quindi non frenare la fantasia e continua così!
@LookaComics

in reply to Informa Pirata

Non ne ho idea. Secondo Wikipedia quando è stato introdotto ero poco più che un pargolo, quindi non ho vissuto direttamente quel periodo e mi rifaccio a racconti e testimonianze terze. Si tratta in ogni caso di un precedente e la storia può benissimo ripetersi. Comunque, vedendo l'operato di Meta e l'andazzo generale che queste aziende hanno, me ne tengo volentieri ben alla larga.

Maurizio Carnago reshared this.


Sia messo agli atti il mio proverbiale tempismo. L'8 dicembre metto in pratica qualcosa che pensavo da un pezzo: liberarmi da Linux Mint Debian Edition per usare Debian "liscio". Lo faccio, lo configuro. È stato meno traumatico di quanto pensassi. Il giorno successivo gli sviluppatori pubblicano questa notizia.

https://www.debian.org/News/2023/2023120902

Grandioso 😁

#Linux #Debian

reshared this



Comincia una nuova avventura sulla rivista dello Star Trek Italian Club col mio piccolo contributo a una rubrica che indaga su ciò che è andato perduto nella storia della celebre saga fantascientifica e come eventualmente si è evoluto. 🖖

#StarTrek #LostTrek #STIC #StarTrekItalianClub


Giochi Di Ruolo reshared this.


Cosa succede con D&D e la OGL in questi giorni?


Mi affascina il mondo dei giochi di ruolo, ma nella vita ho partecipato solo a una paio di one shot. Conosco più o meno le meccaniche dei giochi di ruolo, ma non sono proprio dentro a questa bella comunità. Ora leggo un po' dappertutto che Wizards of the Coast, editore di Dungeons & Dragons, sta cambiando le carte in tavola per quanto riguarda la OGL, la licenza d'uso per utilizzare alcuni elementi di D&D in altri prodotti.
Leggo però articoli pensati per chi sia già nel giro e non riesco a capire di preciso quale sia il problema più grande sia per chi lavora nel settore che per i giocatori.

Dal poco che ho capito con le nuove norme chi pubblica un gioco con OGL d'ora in poi potrebbe trovare le proprie idee usate da Wizards in una nuova campagna di D&D senza accrediti né ricompense, ho capito bene?

C'è qualcuno più ferrato nell'ambiente che avrebbe voglia di fare un riassuntino per chi sia interessato all'ambiente ma non lo vive quotidianamente come il sottoscritto? È un argomento che mi interessa moltissimo.

Grazie

!D&D, ma non solo... #gdr #DnD #ogl

reshared this

in reply to bluoltremauri Giochi Di Ruolo reshared this.

Ciao e scusa la risposta tardiva.
Io non sono molto dentro a D&D perché preferisco altri titoli, ma ho trovato questo articolo scritto molto bene e sempre aggiornato. Spero che ti sarà utile.
https://www.tomshw.it/culturapop/ogl-dungeons-and-dragons-cosa-cambiera/
in reply to Komon (❁´◡`❁) Giochi Di Ruolo reshared this.

@Komon (❁´◡`❁) Nessun problema, non ci sono scadenze, non sei in ritardo 😀
Lo leggo domani con calma, ma intanto ti ringrazio.

Maurizio Carnago reshared this.


Girovagando su Facebook tra i gruppi dedicati all'aeronautica ho trovato una bella storia, con un tocco umoristico, dedicata allo "spirito di corpo", scritta da un pilota di G-91.
Ho voluto ricondividerla nel fediverso, cogliendo anche l'occasione per accennare dell'esistenza di Feddit su quell'altro social là, che male non fa.

Tra le nuvole reshared this.


Da 'Top Gun: Maverick' alla realtà! Il Darkstar verrà esposto all'Edwards Air Show. Grandezza naturale, aereo irreale.


Se avete visto Top Gun: Maverick al cinema sicuramente sarete rimasti sbalorditi dalle prestazioni dell'aereo supersonico mostrato nel primo atto del film. (La mia microrecensione.)

Ecco, sebbene sia molto credibile sappiate che non vola nella realtà! Questo come altre piccole chicche che omaggiano la libertà creativa insita nella serie di videogiochi Ace Combat mi ha fatto apprezzare tantissimo il film. Progettato nientemeno che dalla divisione dedicata ai velivoli sperimentali di Lockheed Martin, l'impresa che ha costruito macchine come l'F-16, l'F-22 e l'F-35, tra gli altri, il Darkstar mostra un design e un cockpit che teoricamente sarebbe perfettamente in grado di volare. Solo che non lo fa per niente, è solo un dettagliatissimo oggetto di scena.

L'aereo in questione verrà esposto in mostra statica alla base Edwards Air Force in California il 15 e 16 ottobre in occasione di una manifestazione. Peccato che non sia esattamente dietro l'angolo, perché a me piacerebbe molto vederlo dal vero. Chissà, magari un giorno farà un tour internazionale? Io ci spero.

L'articolo originale su Theaviationist.com.

!Tra le nuvole

Maurizio Carnago reshared this.


Torno con le mie mirabolanti domande di #mastoaiuto sul tema #informatica e #WebDesign. L'argomento di oggi è il tema scuro nei siti e nell'interfaccia del computer/cellulare. O come lo chiamano in modo tutto figo #DarkMode.

Io mi sento più rilassato quando lavoro con il tema scuro su progetti grafici o scrittura. Mi aiuta a concentrarmi meglio su quello che sto facendo. Ma quando si tratta di #accessibilità mi viene un dubbio enorme: se faccio un sito con tema scuro, accontento tutti i lettori?
Io ho sempre fatto attenzione a non usare mai lo sfondo totalmente nero #000 con testi totalmente bianchi #fff perché anche solo pensarlo mi si bruciano le retine. Ho sempre fatto una mediazione di grigi o comunque colori complementari che abbiano lo stesso un elevato contrasto, ma più morbido. Ho già chiesto ad alcune persone con difficoltà di lettura come si trovassero con i miei siti e hanno risposto che riescono a leggere senza affaticarsi. Ma l'esperienza di persone che si conta sulle dita di una mano non fa statistica.

Ora, questo approccio che a me piace è sempre stato venduto anche come ecologico perché inciderebbe meno sull'energia impiegata dal monitor, con gran gioia della bolletta, della batteria e dell'ambiente stesso. Ma è davvero così?

Leggo articoli online che si contraddicono, perciò mi piacerebbe sentire il parere da gente vera come voi. In realtà un tema chiaro incide poco o nulla sulle performance e quindi è meglio stare più leggeri per non mettere in difficolta i lettori online, oppure c'è un vero e tangibile risparmio energetico e quindi è buono l'impegno nel fare temi scuri ma il più possibile accessibili?
This entry was edited (1 year ago)

Andrea reshared this.

in reply to bluoltremauri

@bluoltremauri

Partiamo dalla cosa più semplice:
A quanto so, non ci sono problemi di accessibilità riguardo i temi scuri.
Le persone che proprio non li sopportano possono usare le opzioni del browser per forzare il tema chiaro (almeno, quelli che lo hanno ossia i desktop - assicurati che sul tuo sito funzioni la modalità lettura di quelli mobile).

Io so che bisogna assicurarsi che il contrasto sia chiaro e accessibile: in questo senso: bianco su nero o nero su bianco sono uguali.
Qui trovi linee guida di accessibilità web in generale: https://developer.mozilla.org/en-US/docs/Web/Accessibility.

Quanto a risparmio energetico, gli sfondi scuri possono essere peggio:
Testo chiaro su sfondo scuro è più difficile da leggere, perché, nonostante il contrasto (quello effettivo) sia uguale, c'è meno luce che finisce nei tuoi occhi (indipendentemente dal tipo di superficie contenente il testo, che sia un display o un pezzo di carta), e si fa più fatica a distinguere le lettere. Chiamiamo la quantità di luce che finisce negli occhi "contrasto percepito".

Non solo questo:
Considerando che maggiore è il contrasto sia effettivo che percepito e meglio si legge, e il contrasto è maggiore quando la differenza tra zone chiare e scure è più accentuata...

A parità di illuminazione ambientale, e parlando di schermi che producono la propria luce che finisce negli occhi di chi legge, in ogni caso per leggere meglio (fino a un certo punto, ad esempio sei in una stanza buia, luminosità al massimo è insopportabile) si dovrebbe sempre alzare l'illuminazione dello schermo per avere buon contrasto percepito, ma:

- Su schermi OLED, dove i pixel neri sono spenti, il contrasto effettivo tra zone nere e bianche è sempre più alto di un LCD; alzare la luminosità aumenta tanto il consumo energetico su sfondo chiaro, ma su sfondo scuro il consumo è trascurabile

- Su schermi LCD, dove i pixel neri in realtà sono semplicemente "chiusi", e fanno passare meno della retroilluminazione (meno, ma non niente, e puoi vedere chiaramente che una schermata 100% nera su un LCD in realtà si vede grigina luminescente!); alzare la luminosità comporta sempre lo stesso consumo energetico, MA, il contrasto effettivo su un LCD è sempre più basso di un OLED perché i pixel neri fanno trapelare luce, e considerando che in ogni caso per vedere meglio bisogna avere sia buon contrasto percepito che effettivo... su un LCD finirai con l'alzare la luminosità su sfondo scuro per migliorare entrambi i contrasti, quindi addirittura a consumare più energia di quanta ne consumeresti per leggere un testo nero su bianco con lo stesso livello di comfort!

Spero di averti fatto capire - sto qua degli sfondi chiari o scuri su schermi diversi meriterebbe un articolo di blog...

E ora che ti ho detto tutto questo, però:
A meno che il sito non debba avere i colori che ha per una scelta artistica (ma in quel caso, di nuovo, assicurati almeno che l'HTML del tuo sito sia buono e quindi analizzabile dalle modalità di lettura dei browser, chi non sopporta il tuo tema potrà leggere con quella), se la tua scelta è puramente pratica.. allora non decidere tu, usa CSS per far decidere al browser (e al sistema operativo) di chi visita la tua pagina: usa le media query per dichiarare un tema chiaro, e un tema scuro. Fine.
Vedi https://developer.mozilla.org/en-US/docs/Web/CSS/@media/prefers-color-scheme.
Un esempio:

/* Tema chiaro, predefinito */
body {
background-color: #FFFFFF;
color: #000000;
}

/* Tema scuro, secondario - Usato solo dai browser supportati (tutti quelli aggiornati, da anni) e che hanno preferenza di tema scuro */
@media (prefers-color-scheme: dark) {
body {
background-color: #000000;
color: #FFFFFF;
}
}

Si può volendo anche invertire il tutto, mettendo come predefiniti (specificati senza media query) i colori scuri, e specificando con @media (prefers-color-scheme: light) i colori chiari per chi preferisce quelli.
in reply to Andrea

@Andrea Mi hai fornito esattamente tutto quello di cui avevo bisogno. Grazie infinite! Io ho sempre visto i bottoncini per far scegliere all'utente se applicare il tema chiaro o scuro, ma siccome dobbiamo preparare alcuni template per siti semplicissimi e leggeri e a prova di idioti non volevo affollare il menù. Questa cosa che il tema cambia da css in base alle preferenze stesse dell'utente senza chiedergli di agire direttamente mi piace un sacco, perché non la conoscevo!


Metti Aquile d'attacco nel mondo di Ace Combat, aggiungici un Maverick in piena forma, una scrittura finalmente buona e avrai uno dei più spettacolari film d'aviazione mai visti. #MicroRecensione #TopGunMaverick #MastoCinema
This entry was edited (1 year ago)