Skip to main content

Filosofia e filosofie reshared this.


Dopo il mio pezzo su Guido Calogero dello scorso dicembre, Morcelliana Scholé mi ha proposto di curare e introdurre una raccolta degli scritti scolastici del filosofo romano. Ho appena mandato il materiale in lavorazione, dovrebbe uscire entro settembre
@scuola@a.gup.pe @scuola@poliverso.org @histodons @histodon @notizie @poliversity @filosofia @zfphl @intellectualhistory https://www.rivistailmulino.it/a/guido-calogero


Filosofia e filosofie reshared this.


Scienza aperta: community over commercialization. Di Paola Galimberti per ROARS

@Scienza e innovazione

Negli ultimi 10 anni sono molte le iniziative sviluppatesi a livello europeo a sostegno della scienza aperta. Le politiche stesse di finanziamento dei progetti hanno tracciato un percorso molto chiaro.

Il titolo di questo post riprende il tema lanciato in questi giorni per la Open access week: comunità più che commercializzazione. Ci sembrano particolarmente opportune le domande poste nella call: Cosa si perde quando un numero sempre più ristretto di aziende controlla la produzione di conoscenza anziché i ricercatori stessi? Qual è il costo dei modelli di business che si basano su livelli estremi di profitto? Quando la raccolta e l’uso dei dati personali iniziano a minare la libertà accademica? La commercializzazione può mai funzionare a sostegno dell’interesse pubblico? Quali opzioni per l’utilizzo di infrastrutture controllate dalla comunità esistono già che potrebbero servire meglio gli interessi della comunità di ricerca e del pubblico (come i server di preprint, i repository e le piattaforme editoriali aperte)? Come possiamo spostare il default verso l’utilizzo di queste opzioni orientate alla comunità?


@Filosofia e filosofie

https://www.roars.it/scienza-aperta-community-over-commercialization/Link all'articolo di Paola Galimberti pubblicato da ROARS

reshared this


Filosofia e filosofie reshared this.


Robert Goodin , fondatore ed editore di lunga data del Journal of Political Philosophy , è stato rimosso dal suo incarico presso la rivista dal suo editore, Wiley

@scienza

Goodin ha scritto agli editori associati e al comitato editoriale informandoli del suo licenziamento, e in risposta molti hanno presentato le loro dimissioni, inclusi gli editori associati e i membri del comitato editoriale

https://dailynous.com/2023/04/27/wiley-removes-goodin-as-editor-of-the-journal-of-political-philosophy/

cc @mcp@MariuzzoAndrea@filosofia
in reply to macfranc Filosofia e filosofie reshared this.

AGGIORNAMENTO (27/04/23): in risposta ai messaggi dei membri del comitato editoriale dimissionari, Wiley ha citato problemi di "comunicazione" con la redazione ma non ha fornito alcun dettaglio su quali fossero tali problemi e quelli vicini alla rivista hanno espresso scetticismo su questa spiegazione.

Anna Stilz (Princeton), membro del comitato editoriale del Journal of Political Philosophy e redattore capo di Philosophy & Public Affairs, ha condiviso parti di un'e-mail che ha inviato ai colleghi membri del comitato editoriale.

Come molti di voi, ho scritto oggi per dimettermi dal comitato editoriale di Wiley... Ma ora vorrei solo assecondare [la lamentela sulle] richieste irragionevoli di Wiley e aggiungere il mio punto di vista come redattore capo di Philosophy and Public Affairs , un altro giornale di proprietà di Wiley.

Wiley ha recentemente firmato una serie di importanti accordi di accesso aperto: ciò significa che sempre più ottengono le loro entrate attraverso le tariffe degli autori per ogni articolo che pubblicano (spesso ora coperte da agenzie di sovvenzione pubbliche), piuttosto che dagli abbonamenti alle biblioteche. La loro attuale strategia a livello aziendale per massimizzare le entrate è quella di costringere le riviste di loro proprietà a pubblicare il maggior numero possibile di articoli per generare il massimo compenso per gli autori. Laddove gli Editor si rifiutano di farlo, esercitano tutte le pressioni possibili, fino al licenziamento compreso, come in questo caso. Anche se non sono al corrente dei dettagli delle comunicazioni di Bob con Wiley, posso dire che P&PA ha avuto richieste simili. Qualche anno fa siamo riusciti a convincerli a fare marcia indietro solo minacciando di sporgere denuncia. Sono rimasti in silenzio per un po', ma recentemente le loro richieste hanno ricominciato a intensificarsi.

Tutti i filosofi ei teorici politici che hanno a cuore le riviste nel nostro campo hanno interesse a mostrare a Wiley che non può farla franca.


AGGIORNAMENTO 2 (28/04/23): Wiley era aperta alla permanenza degli attuali co-editor, ma si sono rifiutati perché non erano in grado di ottenere un'adeguata garanzia che avrebbero (nelle parole di uno di loro) il "requisito editoriale di controllo e discrezione per mantenere la qualità e la reputazione del JPP di fronte al desiderio di Wiley di aumentare in modo significativo e indefinito il numero di articoli pubblicati dal JPP.


AGGIORNAMENTO 3 (28/04/23): in un commento qui sotto , Anna Stilz fornisce ulteriori informazioni sul tipo di aumenti che Wiley desidera:
Wiley non sta chiedendo di prendere in considerazione la possibilità di pubblicare qualche pezzo in più che cada al limite e sia un duro giudizio. Ci chiedono di aumentare il numero di articoli che pubblichiamo di un fattore 10 e di continuare ad aumentare quel numero anno dopo anno. Ciò è in conflitto con il ruolo delle riviste nella nostra professione, che è quello di curare un corpo di lavoro ben controllato e di alta qualità per un pubblico, fornire feedback che migliorino le argomentazioni delle persone e fungere da dispositivo di segnalazione che convalida l'importanza di qualcuno lavoro quando salgono per il mandato e la promozione. Se le migliori riviste di filosofia politica ora devono pubblicare 50 articoli all'anno, 100 l'anno successivo, 200 il successivo e così via all'infinito, non significa più nulla che il tuo articolo venga pubblicato su queste riviste.

Nel frattempo, una fonte riporta copie di "innumerevoli lettere di dimissioni" di membri del comitato editoriale nella loro casella di posta.

@macfranc@Maria Chiara Pievatolo@Andrea Mariuzzo

reshared this

Unknown parent Filosofia e filosofie reshared this.

macfranc
è antipatico, sì... Ma non è antipatico chi lo dice, bensì è antipatico proprio il fatto di doverlo dire... ☹️

@macfranc@poliverso.org@MariuzzoAndrea

Filosofia e filosofie reshared this.


Per una moratoria internazionale sulle intelligenze artificiali gigantesche: Pause Giant AI Experiments: An Open Letter

@eticadigitale

Chiediamo a tutti i laboratori di intelligenza artificiale di sospendere immediatamente per almeno 6 mesi l'addestramento di sistemi di intelligenza artificiale più potenti di GPT-4.

Grazie a @robertabarone per la segnalazione
cc @filosofia
https://futureoflife.org/open-letter/pause-giant-ai-experiments/

reshared this

in reply to informapirata :privacypride: Filosofia e filosofie reshared this.

non sono competente per giudicare, ma che possibilità ci sono che venga accolta? E da tutti, perché se ad es la Cina non accettasse credo sarebbe un problema, e nessuno vorrebbe lasciare un vantaggio competitivo. Non sarebbe meglio un controllo e verifica sulle applicazioni?

reshared this

in reply to filobus aka hecatonchiri Filosofia e filosofie reshared this.

@filobus non credo serva a molto perché c'è la volontà cieca di fare funzionare questa cosa dell'IA costi quel che costi. Mi interessa però vedere se qualcuna delle aziende coinvolte risponderà, e come

reshared this

in reply to Roberta Barone Filosofia e filosofie reshared this.

@filobus è difficile controllare le applicazioni, per una serie di motivi. Ci stanno provando sia con le leggi che con i regolamenti interni aziendali, ma i sistemi di apprendimento automatico sono molto molto molto difficili da regolare, all'atto pratico.

reshared this

in reply to Roberta Barone Filosofia e filosofie reshared this.

è vero, immagino ci siano degli aspetti "sottili" nel loro funzionamento che possono creare aberrazioni
Nello stesso tempo però mi fa un po' specie tutto questo parlare di ai come rovina dell'umanità, come se ad es non ci fosse il datore di lavoro umano che discrimina i dipendenti messicani o la polizia che se la prende con le persone di colore. E anche lì sono delle scatole nere, vedi il risultato

reshared this

in reply to filobus aka hecatonchiri Filosofia e filosofie reshared this.

approfitto per segnalare questa critica di alla lettera in questione:

«La lettera aperta sulla moratoria dell'Intelligenza Artificiale è fuorviante: rispetto ai pericoli fantascientifici dell'IA ignora i rischi reali.
Disinformazione, impatto sul lavoro e sicurezza sono tutti rischi. Ma non nel modo in cui implica la lettera.»

https://feddit.it/post/193394

reshared this

in reply to filobus aka hecatonchiri Filosofia e filosofie reshared this.

pensa se per paradosso dicessimo "adesso quegli esseri umani non si devono sviluppare perché poi si organizzerebbero e formerebbero il Ku Klux Klan"
Potrebbe avere senso... 😀
Ma stiamo cercando di imporre valori morali a un qualcosa nato per essere efficiente. Possiamo farlo a posteriori, giudicando, come si fa in tribunale, in base alle azioni. Possiamo prevenire, ma solo in base al risultato.
1/2

reshared this

in reply to filobus aka hecatonchiri Filosofia e filosofie reshared this.

perché sarà sempre una scatola nera, temo, è fatto per esserlo, lo vogliamo noi, che faccia cose al dii sopra delle nostre possibilità (le ai possono essere comprese veramente solo da altre ai).
Il problema delle ai è che se sbagliano lo fanno alla grande, in modo molto più efficiente di noi. E noi potremmo non essere in grado di capirlo
Alla fine è l'uomo che deve diventare più intelligente
2/2

reshared this

in reply to informapirata :privacypride: Filosofia e filosofie reshared this.

no, sto deantropofizzando l'uomo 😉
Siamo ancora alla visione tolemaica, in cui l'uomo è al centro di tutto
Se l'intelligenza è in procinto di non essere più un bene esclusivo, bisogna dotarsi di teorie più universali
(Per adesso a livello di paradosso, siamo ancora lontani)

reshared this

in reply to Roberta Barone Filosofia e filosofie reshared this.

@filobus
Partendo dal presupposto che non sono certo io che so se lo sviluppo delle AI sia giusto o sbagliato (pericoloso o utile etc.), a me questa cosa sembra fatta da un gruppo di rosiconi. Se Musk fosse stato in grado di arrivare per primo a sviluppare una AI ad un livello come quello di GPT-4 "or beyond", l'avrebbe fatta cadere dall'alto come la "migliore cosa possibile".

reshared this

in reply to MarcoAl Filosofia e filosofie reshared this.

@marcoal AHAHAHA, questo è certo, ma mettiti pure nei panni di chi ha proposto questa moratoria: che fai? Se hai l'occasione di coinvolgerle il Trend-Man del decennio, non lo fai?!? 😂

@robertabarone@filobus@eticadigitale@filosofia

reshared this

Unknown parent Filosofia e filosofie reshared this.

❄️ freezr ❄️
@spiritum

Io credo dipenda dalla mia istanza che permette post di 2500 caratteri circa.