Skip to main content

Franc Mac reshared this.


Amministrazione e moderazione in Poliverso


Non tutti sanno che Friendica dispone di funzioni di moderazione molto limitate, che non consentono azioni mirate, automatizzate e collaborative.

In attesa che tali funzioni vengano sviluppate, è importante cercare di fare il possibile utilizzando strumenti già disponibili nella piattaforma, come le pagine notizie e i forum.

Proprio per questo sono state cerate due account: @Poliverso Forum di supporto per offrire agli utenti un gruppo di supporto tecnico/ergonomico e @Notizie da Poliverso per dare informazioni sulla nostra istanza e su tutte le altre realtà del fediverso.

Ma cosa succede se un utente pubblica contenuti che potrebbero creare problemi alla piattaforma?
In primo luogo, lo si prova a contattare attraverso l'account @Signor Amministratore o @Guido Sperduti di Poliverso per provare a discutere sull'opportunità della pubblicazione in questione, sui danni che potrebbe eventualmente portare a una istanza così piccola come Poliverso e sulle conseguenze per "l'igiene" della timeline locale.

I termini di servizio di Poliverso indicano che "Concedere spazio alle polemiche e sopportarle può guastare l'equilibrio di intervento in un dibattito democratico. Intervenire contro di esse non è censura, bensì protezione dell'ambiente sociale.".
Resta tuttavia scontato che, l'amministrazione di questa istanza è "signora e padrona" e laddove non sia possibile contattare un utente, può decidere in qualsiasi momento di sospenderlo o rimuoverlo dalla piattaforma.

PS: pubblicare diversi post illeggibili (spesso riportati in altri social da profili riconducibili alla stessa persona) senza ricercare alcuna interazione è considerato alla stregua di qualcuno che entra in uno spazio privato ma aperto al pubblico e comincia a urlare e a distribuire volantini: insomma, viene considerata un'azione di disturbo che può guastare il clima e indurre le persone più serie ad abbandonare quel luogo, lasciandolo in balia delle persone più prevaricanti e meno disponibili all'ascolto.
@Signor Amministratore@Guido Sperduti di Poliverso@Notizie da Poliverso non per fare polemica, ma in questo modo, chiunque potrebbe essere buttato fuori senza alcuna pietà e senza alcuna spiegazione. Basterebbe sostenere che non si è stati in grado di contattarlo e ZAC! Messo così non sembrerebbe un metodo molto corretto
@Pëtr Arkad'evič Stolypin questo è vero ma non è interesse di un amministratore cacciare la gente dal proprio social network. Se questo succede forse è perché c'è un problema @Signor Amministratore@Guido Sperduti di Poliverso@Notizie da Poliverso
@Pëtr Arkad'evič Stolypin premesso che "l'amministratore tutto può" è importante ricordare che "buttare fuori" un utente da una istanza appena nata è un'operazione ad alto rischio: infatti può far percepire l'amministratore come un soggetto inadatto al ruolo, con un sistema nervoso fragile come un vetro di Murano o peggio con interessi occulti da salvaguardare.
Ma purtroppo, salvaguardare la qualità dell'ambiente è compito fondamentale dell'amministratore e alcune volte è necessario assumersi la responsabilità di scelte che possono portare a ulteriori polemiche.
Anche per questo, ho deciso di pubblicare un post sul forum di supporto: per rendere pubbliche alcune azioni che sarebbero potute restare nascoste; per ricordare, con l'occasione, i problemi e gli obiettivi dell'amministrazione; per confrontarmi con gli utenti dell'istanza.


@Guido Sperduti di Poliverso@Notizie da Poliverso

Andrea Russo reshared this.

@Signor Amministratore@Guido Sperduti di Poliverso@Notizie da Poliverso Se una cosa è certa è che fare l'amministratore è un bel rompimento di c**** 😂😂😂

Signor Amministratore reshared this.

@Pëtr Arkad'evič Stolypin il vantaggio è che puoi aumentarti lo stipendio della percentuale che preferisci e senza chiedere il permesso a nessuno.
Soprattutto quando lo fai come volontario 😭😭😭

@Guido Sperduti di Poliverso@Notizie da Poliverso

2 people reshared this


Franc Mac reshared this.


Oct 3
Stress The Press! #FreeAssange
Sun 7:30 PM - Wed 11:00 PM
Informa Pirata
Parte oggi l'evento dal titolo #StressThePress promosso dal gruppo Italiani per Assange, coinvolgendo anche le tante associazioni che nel nostro paese si sono spese a tutela della libertà di stampa, per chiedere ai giornalisti della carta stampata, della TV, della radio e del web di parlare del caso di Julian Assange in vista dell'inizio del processo d'appello il prossimo 27 e 28 Ottobre, durante il quale gli Usa tenteranno nuovamente di ottenere dalla magistratura inglese l'estradizione del fondatore di WikiLeaks, per poi processarlo a porte chiuse davanti a una giuria composta in gran parte di ufficiali governativi e funzionari o ex funzionari dell'esercito, della CIA e dell'NSA e condannarlo ad una pena detentiva di 175 anni di carcere da scontarsi in rigoroso isolamento.

Gli attivisti e i cittadini che prenderanno parte a questo progetto potranno proporre il nome di un professionista del mondo dell'informazione a cui chiedere insistentemente a mezzo mail, telefonate o attraverso i social network, di scrivere un articolo o realizzare un servizio sul caso di Julian Assange, che, dal lontano 2010, cioé da quando ha svelato attraverso la sua piattaforma, WikiLeaks, i crimini di guerra degli Stati Uniti, ha dovuto rinunciare alla propria libertà ed è oggi al centro di un processo che rappresenta un attacco frontale alla libertà di stampa, al diritto di noi cittadini di essere informati e alle stesse istituzioni democratiche.
Giornalmente verranno conteggiate e rendicontate sul nostro gruppo le adesioni di quanti hanno accettato di scendere in campo e agire per la salvaguardia del valore e della dignità della professione giornalistica e le adesioni di quanti invece ritengono più conveniente continuare a tacere sulla vicenda che più di ogni altra, oggi, sta segnando le sorti del giornalismo a livello globale.

Noi di Italiani per Assange riteniamo che "Se Julian Assange dovesse essere estradato, ogni giornalista in qualunque angolo della terra potrebbe essere perseguito semplicemente per aver fatto il suo dovere professionale, cioé per aver raccontato la verità. Noi siamo dalla parte del Giornalismo; invitiamo il Giornalismo a fare la sua parte".

COME PARTECIPARE:

invia il seguente messaggio ad un giornalista di tua scelta (e invita i tuoi amici a fare altrettanto):

"Buongiorno,
Sono (inserire il proprio nome e cognome) e sto partecipando alla campagna nazionale #StressThePress, promossa dalle organizzazzioni italiane che si battono per la Libertà di Stampa e il Diritto all'Informazione.
Ti/Le/Vi chiedo di parlare del caso di Julian Assange, perseguito e perseguitato da oltre 10 anni da Gran Bretagna e Stati Uniti semplicemente per aver diffuso la Verità, obiettivo e missione della tua/sua/vostra professione di giornalista.
Se Assange venisse estradato, l'intero giornalismo, a partire da quello d'inchiesta, sarebbe criminalizzato. Non possiamo permettere che ciò avvenga.
Io sono dalla tua/sua/vostra parte e ti/le/vi chiedo di fare la vostra parte.
Grazie.
Firma"


https://www.facebook.com/events/1046134182808249

3 people reshared this


Franc Mac reshared this.


Open Source Social Network Uptime Status

About Observer

#Fediverse Observer checks all servers in the fediverse every hour and gives you an easy way to find a home

Un punto di osservazione sullo stato del #Fediverso
#Link
@Michele Per curiosità, c'è un canale (reddit, telegram, etc) con cui ottieni informazioni "fresche" sul fediverso?
@Informa Pirata Onestamente no... o meglio seguo il tag fediverse (e fediverso) sul nodo Friendica che mi ospita (https://libranet.de/search?tag=fediverse) ed ho attivo un alert su Google Search (https://www.google.it/alerts). Seguo inoltre tramite feed gli ultimi sviluppo di alcune delle piattaforme (Friendica: https://friendi.ca/feed/ Mastodon: https://blog.joinmastodon.org/index.xml). Ma in realtà molte cose le scopro a mia volta dagli altri utenti :)

Informa Pirata reshared this.



Nel libro di Stefania #Maurizi su #Assange ogni passaggio è supportato da un apparato bibliografico di tutto rispetto e gli intricati elementi che compongono la vicenda Assange e che la rendono così poco comprensibile vengono riposizionati con cura in una linea temporale comprensibile, vengono contestualizzati e supportati da memorie, documenti, dati e date.
Compratelo, ché ne vale la pena

https://www.informapirata.it/esiste-davvero-una-cospirazione-per-distruggere-assange-ecco-cosa-abbiamo-trovato-ne-il-potere-segreto-di-stefania-maurizi/


Ecco che ci siamo... 😁

PA digitale, addio ai pin: ecco come usare SPID, CNS e CIE


Il momento dello stop alle credenziali rilasciate dall'Agenzia delle entrate e da Inps è giunto: dal primo ottobre infatti si potrà accedere alle proprie aree riservate solo con SPID, CIE e CNS. Ecco una guida su come utilizzarli

L'articolo PA digitale, addio ai pin: ecco come usare SPID, CNS e CIE proviene da Agenda Digitale.


Franc Mac reshared this.


I telefoni ascoltano quello che dici e poi inviano pubblicità? Il Garante per la privacy avvia un’indagine


Immagine/fotoSpinto da diversi utenti e da un servizio di Striscia La Notizia, il Garante per la privacy ha aperto un’istruttoria per scoprire se alcune app per dispositivi mobili possano registrare audio all’insaputa degli utenti e vendere i dati raccolti per farne proposte commerciali.... Leggi tutto
This entry was edited (2 weeks ago)

Franc Mac reshared this.



C'è molta più continuità tra la politica estera di #Biden e quella di #Trump rispetto a quanto non sia generalmente riconosciuto.
Il nuovo #paradigma respinge il principio per cui gli #USA hanno un interesse vitale in un sistema globale più ampio, che spesso richiede l'intervento militare o accordi a lungo termine.
Di Richard #Haass su #ForeignAffairs
https://www.foreignaffairs.com/articles/united-states/2021-09-29/biden-trump-age-america-first

2 people reshared this


Franc Mac reshared this.


Kosovo and Serbia diffuse tensions through EU brokered deal


After ten days of tensions between Kosovo and Serbia that prompted concerns of a renewed conflict in the region, a temporary agreement has been brokered to de-escalate the situation, Miroslav Lajčák, EU Special Representative for Belgrade-Pristina dialogue, announced on Thursday (30 September).
https://www.euractiv.com/section/global-europe/news/kosovo-and-serbia-diffuse-tensions-through-eu-brokered-deal/

Franc Mac reshared this.



In Turchia Beyhan Mutlu, di 50 anni, dopo una serata trascorsa con gli amici a bere, ha fatto perdere le sue tracce. La moglie, preoccupata, ha allertato le forze dell’ordine che si sono messe alla ricerca dell’uomo. Il 50enne, senza saperlo, si è trovato a partecipare alle ricerche di se stesso, insieme ai soccorritori giunti nel bosco dove lui già da prima stava passeggiando. Sembra un film, ma è una storia vera.

https://www.ilmattino.it/primopiano/esteri/ubriaco_disperso_partecipa_ricerche_soccorso_turchia_beyhan_mutlu_cosa_e_successo_news_oggi-6228479.html


Per dire: Luca Traini, che ai migranti ha sparato addosso, di anni ne ha presi 12.
#MimmoLucano

Laura Campiglio su Twitter
https://twitter.com/lacampiglio/status/1443531097632088075

2 people reshared this



Fare il giornalista è un mestiere pericoloso. Anche a San Marino

Da Articolo21

60


Anche a San Marino il mestiere del giornalista è pericoloso. Pericoloso per le intimidazioni, le denunce, i rinvii a giudizio senza fondamento per i giornalisti e i giornali che fanno il proprio lavoro: approfondiscono, ricercano, pubblicano notizie di preminente interesse pubblico.

Notizie delle quali, però, secondo chi denuncia – nel caso specifico la Banca Centrale di San Marino e il Congresso di Stato, il governo sammarinese – la collettività non deve essere messa al corrente.

La vicenda che riguarda il giornalista del quotidiano “L’informazione di San Marino”, Antonio Fabbri, e il suo Direttore, Carlo Filippini, è emblematica del bavaglio che si vuole mettere alla libera stampa, soprattutto quando compie il suo dovere.

Che cosa è accaduto.

Nell’aprile del 2019 emerge la notizia di una indagine nei confronti della presidente della Banca centrale di San Marino (Bcsm) e di un noto politico italiano per una consulenza da 10mila euro al mese a favore di quest’ultimo. L’indagine per amministrazione infedele, che ha avuto una notevole risonanza non solo a livello sammarinese ma anche sui media nazionali italiani e internazionali, circa un anno dopo viene archiviata. La Banca Centrale invia un comunicato stampa nel quale dà notizia della archiviazione, senza renderne note le motivazioni.

Il giornalista decide allora di approfondire le motivazioni dell’archiviazione del caso che aveva avuto un tale clamore.

Chiede quindi ufficialmente alla Cancelleria penale del tribunale unico di San Marino di poter accedere al fascicolo archiviato, come previsto dalla legge.

La richiesta viene formulata dal giornalista Antonio Fabbri attraverso il canale “Book-Pa”, il portale della pubblica amministrazione sammarinese attraverso il quale presentare le domande di accesso ai fascicoli pubblicati dei quali “chiunque può prendere visione o estrarne copia”, recita la norma sammarinese in materia. La richiesta viene motivata dal redattore con finalità di inchiesta giornalistica. Alla data della prenotazione fissata per la consultazione del fascicolo, il giornalista, si presenta alla Cancelleria penale del tribunale e, dopo circa 45 minuti di attesa, gli viene consegnato il fascicolo, previa autorizzazione del magistrato, con eccezione delle parti coperte da segreto bancario.

Dalla consultazione del fascicolo il giornalista rileva che il provvedimento di archiviazione riporta come per l’inquirente non vi fossero gli estremi penali per il rinvio a giudizio, tuttavia dal provvedimento di archiviazione e dai rilievi del magistrato emergeva che la consulenza al politico italiano, peraltro molto onerosa per la Bcsm, vedeva di fatto lo stesso ricevere informazioni dal medesimo ente al quale era chiamato poi a fornire le stesse consulenze e informazioni che gli venivano trasmesse.

Dalla consultazione del fascicolo emergeva inoltre, che erano stati ascoltati come testimoni dei Segretari di Stato (ministri) ed era stato acquisito un verbale del governo. Dalle testimonianze e dal verbale risultava che la presidente di Bcsm, quando aveva appreso di essere indagata, si era rivolta ai Capi di Stato di San Marino – i Capitani Reggentie – e ai membri di governo riferendo loro di avere incontrato l’allora capo dei servizi segreti italiani. parlando con esso del sistema bancario sammarinese. Ora, che il vertice della Banca centrale di un paese incontri il capo di servizi segreti di un altro paese, è una notizia di evidente e preminente interesse pubblico, che il giornalista e il giornale hanno reso nota, così come le motivazioni dell’archiviazione dell’indagine.

A fronte degli articoli su queste notizie, di interesse pubblico e pubblicabili, la Banca centrale e il Governo di San Marino hanno presentato denuncia contro il giornale e il giornalista, sostenendo che quelle notizie non dovevano essere pubblicate.

Dopo una indagine discutibile, il Commissario della legge ha rinviato a giudizio i giornalisti per l’articolo 192 bis del codice penale sammarinese: “Pubblicazione di atti segreti inerenti un procedimento penale”. Ma quegli atti segreti non sono.

A rendere ancor più grave e inquietante la situazione il fatto che, in precedenza, quando il giornale aveva pubblicato le notizie per la cui pubblicazione è accusato, la Banca centrale e la sua presidente avevano inviato una diffida dal sapore intimidatorio nella quale minacciavano il giornale i giornalisti di presentare esposti in sede penale e disciplinare, se non avessero cessato le pubblicazioni.

A questo era seguita, innescata da un altro esposto, una istruttoria anche da parte del Garante della Privacy di San Marino, nella quale lo stesso ente intimava addirittura al giornale di rivelare la fonte delle proprie informazioni.

La gravità di questo rinvio a giudizio è tale perché si configura con tutta evidenza come un abuso e una intimidazione per il giornalista e il giornale, colpiti dalle denunce pretestuose del Governo e della Banca centrale, il cui unico evidente interesse era quello di tenere nascoste informazioni e notizie, inerenti la corretta gestione della cosa pubblica, che il giornalista aveva il dovere di rendere note e la collettività il diritto di conoscere.

https://www.articolo21.org/2021/09/fare-il-giornalista-e-un-mestiere-pericoloso-anche-a-san-marino/


Nel giugno del 1849 la II Repubblica francese intervenne militarmente contro una Repubblica «sorella», la Repubblica romana di Mazzini, per riportare sul trono Pio IX. Fu il trionfo della Real-politik. Anche allora, s'intende, fu adoperata la parola «libertà»: la libertà del Papato, conculcata, come scrisse Pio IX nel Motu proprio con cui annunciava, il 1º gennaio 1849, la sua fuga da Roma, dalle trame dei «nemici di ogni ordine», di ogni legge, d'ogni diritto, d'ogni «vera libertà», cioè Mazzini, Garibaldi ed i loro seguaci.

Luciano Canfora, Esportare la libertà

informaPirata reshared this.



Morire, caro il mio dottore, è l'ultima cosa che farò!
(Henry John Temple, III visconte Palmerston)


Questa è Sparta


«Di tutte le città della Grecia, Sparta è l’unica a non aver lasciato all’umanità né uno scienziato né un artista... Forse gli spartani, senza saperlo, eliminando i loro neonati malati o troppo fragili, hanno ucciso i loro musici, i loro poeti, i loro filosofi».
Jerôme Lejeune


Franc Mac reshared this.


Aggiornamento alla nuova release Friendica: previste possibili anomalie


Dal momento che è stato previsto per oggi un aggiornamento dell'istanza Poliverso alla nuova versione Friendica "Siberian Iris", è possibile che si verifichino alcuni malfunzionamenti!
cc @Poliverso Forum di supporto

Rilasciata #Friendica 2021.09


Rilasciata #Friendica 2021.09
«Lo sprint estivo è terminato e siamo felici di annunciare la disponibilità della nuova release stabile di Friendica #SiberianIris 2021.09. Contiene più di 160 richieste pull da sette collaboratori e aggiornamenti a diversi pacchetti linguistici da parte dei team di traduzione.»
https://friendi.ca/2021/09/25/friendica-2021-09-released/



Messaggio di prova delle 10.54 con titolo


Messaggio di prova delle 10.54 con titolo Messaggio di prova delle 10.54 con titolo Messaggio di prova delle 10.54 con titolo Messaggio di prova delle 10.54 con titolo Messaggio di prova delle 10.54 con titolo Messaggio di prova delle 10.54 con titolo


Messaggio di prova delle 10.53 senza titolo

Franc Mac reshared this.


David McBride e The Afghan Files


"Sapevamo che era una debacle. Tutti. C'era una cultura del silenzio per insabbiare il tutto e i politici non hanno mai veramente cercato di vincere la guerra"
Il #whistleblower australiano David #McBride, ex avvocato militare ha presentato una denuncia interna contro ciò a cui ha assistito durante la guerra.
Di Kevin #Gosztola su #TheDissenter
https://thedissenter.org/australian-military-whistleblower-who-faces-prosecution-shares-perspective-on-end-to-afghanistan-war/

5 people reshared this