Skip to main content

J. Alfred Prufrock reshared this.


Perquisizioni ai danni di 3 attivisti di Fridays For Future da parte di Gazprom

Alle 6:30 del 19 maggio tre attivisti di Fridays For Future Milano sono stati perquisiti nelle proprie abitazioni da 18 carabinieri - 6 ognuno - a seguito di un mandato di perquisizione.
Sono state perquisite le loro case, sequestrati telefonini e abiti, ed è stato chiesto di spoglia

https://fridaysforfutureitalia.it/perquisizioni-ai-danni-di-3-attivisti-di-fridays-for-future-da-parte-di-gazprom/

#

grandi! Continuate così ♥🙏🏼🍀

J. Alfred Prufrock reshared this.


Privacy Daily – 19 maggio 2022


Content warning: Europol si prepara a raccogliere big data sui cittadini europei dopo che gli eurodeputati hanno votato per espandere il potere di polizia Il Parlamento europeo…

3 people reshared this

Il cappio al nostro collo si stringe sempre più.
@senzanome purtroppo sembra proprio di sì...
Ya... Però che si fa? Rimaniamo a guardare? Arriverà il momento che non avremo più nessun margine di manovra o reazione perché ci fulmineranno al primo respiro. Personalmente non riesco per nulla a rassegnarmi a che mi cuciano addosso un vestito di autoritarismo, censura, controllo per trasformare la società in un fascismo tecnologico anche peggiore di quello orwelliano.
Ho girato la notizia ai vari contatti personali e gruppi spagnoli e francesi e italiani su Telegram, aspetto a vedere cosa dicono ma ho il timore che la rassegnazione imperi ovunque.

The Privacy Post reshared this.

può essere utile spingere sui server casalinghi con Nextcloud e synapse?

J. Alfred Prufrock reshared this.


Per i # all'ascolto, una chicca della storia #: il #. Non sapete cos'é? Scopritelo in questa # di #

J. Alfred Prufrock reshared this.

Quanto all'ecosistema russo, la fine arrivò in modo diverso: Nintendo e Steepler (la ditta del Dendy) stipularono un accordo di commercializzazione esclusiva del SNES. L'accordo prevedeva che Steepler avrebbe rinunciato per sempre a clonare le console SEGA e fermato la produzione di cassette clone. A quel punto a Steepler importare console e cartucce originali cominciò a costare molto più che copiare e la pirateria finì
Mi rendo conto ora che può sembrare un errore il "Clonare le console SEGA". Non lo era. Steepler coniava anche loro. Nintendo decise che come "prezzo" per distribuire il Super Nintendo Steepler avrebbe dovuto rinnegare per sempre ogni forma di pirateria, compresa quella contro la concorrenza e, retroattivamente, smettere di vendere giochi clone-NES per il Dendy. A quel punto Steepler non poteva neppure più "tirar spiccioli" clonando altro

J. Alfred Prufrock reshared this.


QUESTION: When does Thunderbird get feature equality with Enigmail again?

ANSWER: Our built-in OpenPGP implementation is getting better and better with each release. 102 (out this June) will bring great improvements in the encrypted composition workflow and in key management. The usability of those areas will be equal, if not better than Enigmail, in 102 - with the objective to continue improving the feature each release.

2 people reshared this

For anyone interested in getting TB to use system keyring again: https://gitlab.com/sequoia-pgp/sequoia-octopus-librnp
Please bring a better support for the Web Of Trust. I'm introducing WKD in my organization (thanks https://openpgp-ca.org/ !). It would be really nice if users could sign other keys and automatically trust new ones signed by already trusted.

J. Alfred Prufrock reshared this.


Annie Lennox of Eurythmics with a Tandy 200, and Dave Stewart laying with his head on her lap.

3 people reshared this




Ho aperto Gnome Text Editor, che è adesso proposto al posto di gedit. È molto pulito e molto GTK4, probabilmente sarà anche molto potente.

Ma non ho potuto fare a meno di notare il non trascurabile tempo d'attesa per l'apertura

Pochi secondi, ma sempre un'infinità rispetto a gedit o a molti altri editor che sono sempre stato abituato a vedere aprire "a schiaffo".

Incuriosito, controllo htop e vedo che, appena aperto e senza nessun file dentro, pesa 80MB abbondanti.

Sono un po' perplesso
@J. Alfred Prufrock
più o meno tutto ciò che è legato a GNOME è piuttosto pesante rispetto alle controparti. Diciamo che è un po' la firma tipica di GNOME. 🤣
A volte mi è capitato di leggere delle cose che lì per lì pensavo fossero dei meme/parodie, tipo:
https://gitlab.gnome.org/GNOME/gnome-shell/-/merge_requests/925?commit_id=bd197789c1e28bea4361cca48c8e3ef940b1f460#diff-content-60f382ca96e4f9c7bb781e656693f6ae462b89ed
Ahahah,
sì conosco bene questa fama

Ma se da un lato Gnome detiene sempre il record di uso di ram, d'altra parte ho notato che non è (più?) sempre valida l'equazione "più pesante=più lento".
Nel mio pc ho provato DE che ti facevano dire "wow" perché stavano sui 300mb scarsi, ma usandoli mi sembravano meno reattivi di Gnome col suo giga abbondante al login (vanilla, zero estensioni, scende al massimo a 800mb se si evita evolution-data-server).

In questo caso a farmi restare interdetto non sono tanto gli 80 mb per un editor di testo che, almeno apparentemente, si presenta come minimale; ma il fatto che sembri effettivamente lento a partire su un i7 di qualche anno fa con 16 gb di ram e ssd.

Magari si comporta meglio di gedit su file molto grandi? Da vedere.

J. Alfred Prufrock reshared this.


The EU Commission is planning automatic CSAM scanning of your private communication – or total surveillance in the name of child protection. This would be the worst surveillance apparatus outside of China:
https://tutanota.com/blog/posts/eu-surveillance-csam
# #
Comic against backdoors
and to think I used to think that the EU were a bearer of online security 🤦‍♀️

J. Alfred Prufrock reshared this.


trying to follow this instruction:

talk about the things you love, even if you think nobody cares.

people won't ask for it at least at first, but some of them will care

and it's attractive to see someone talk about the things they love.

let go of the notion that it's worthless if you don't get a minimum number of listeners, reactions, replies.

practice caring publicly about the things you care about.

I think this is a good reminder for me. I never liked being shy anyway

6 people reshared this

I love this message so much and it should be sprayed as graffiti on the walls of every data highway of the internet and handed out as leaflet on every virtual public place.
i agree!

J. Alfred Prufrock reshared this.


Il regolamento della Commisione europea per scansionare le comunicazioni delle app di messagistica non riguarda solo il CSAM (materiale pedopornografico) ma anche il grooming (l'adescamento) che prevede la lettura completa dei testi dei messaggi per mezzo di algoritmi che "non dovrebbero capire il senso del contenuto" ma cercare "schemi noti e pre-identificati". Un sistema non privo di potenziali errori ed abusi.

https://nitter.net/matthew_d_green/status/1524094474187644933

https://eur-lex.europa.eu/legal-content/EN/TXT/?uri=COM%3A2022%3A209%3AFIN

# # # @informapirata

è già definitivo? Mi piacerebbe parlarne sui miei canali, ma più da un punto di vista del “criminologo”, con un focus particolare sugli aspetti educativi (o diseducativi) di questa iniziativa.
Il problema non è solo il fatto che è definitivo ma anche il fatto che essendo un regolamento e non una direttiva, l'accoglimento nelle normative dei paesi membri è immediato e non è sottoposto ad alcun voto o ratifica parlamentare...

@rik
@Rik

J. Alfred Prufrock reshared this.


«Siete hacker russi? davvero bisogna rimuovere Google Analytics? non basta l'anonimizzazione degli IP?»

Le FAQ di # chiariscono il progetto e aiutano a fare un po' di cultura della #

https://privacy.g0v.it/faq.html
Tecnicamente, per costruire una app che sia "comodamente" usabile secondo gli "standard" attuali, bisogna rinunciare a buona parte della privacy.
Ad esempio, il solo ricevere un promemoria alle ore 11,45 per svolgere l'attività di una app, comporta il trattamento dei dati personali.
La mia domanda: anche pur rinunciando eticamente alle funzionalità (che app private mettono già a disposizione), quanti cittadini sarebbero pronti a lamentarsi di una app pubblica, con meno potenzialità e sviluppata "peggio"?
è anche vero che si può fare un sistema in cui il tuo dato personale viene usato dal sistema per le funzionalità che conosci e non per altre. Il punto secondo me è tutto li.
Io do le foto di casa mia ad una ditta di ristrutturazione, e mi aspetto che queste foto vengano usate solo per la ristrutturazione e non per altro (tantomeno vendute ad altre aziende di arredamenti ad esempio).


Mai, prima d'ora, m'era capitato di ignorare un profilo del fediverso.

Tempo fa commentai un toot di un utente con un punto di vista diverso dal suo, e mi aggredì. Gratuitamente, credo, attribuendomi parole o insinuazioni che non avevo neanche pensato o implicato. Messaggio ricevuto: non ho più commentato un suo contenuto, ma continuo a leggere quello che scrive, perché fornisce spunti interessanti.

Stavolta no. Niente da segnalare, nessuna aggressione. Ma una distanza tale sul modo di vedere le cose e di interagire che mi ha portato alla resa.

Ne sono un po' rattristato
Ma lascia perdere, dai.

J. Alfred Prufrock reshared this.


Holy cow
https://bit.ly/3sslqd8

2 people reshared this

It is only for cards of the rtx onwards I think? So maybe it's a marketing move that all the users with older cards buy overpriced new stuff ...
Just yesterday I made an overview for myself what laptops are existing with AMD GPU suitable for gaming. And I found a few. I'm shocked and don't understand why there are so many laptops with Nvidia GPU, even if they come with Linux preinstalled. Doesn't make sense if you don't want to install proprietary stuff.

J. Alfred Prufrock reshared this.


Avviso: nelle prossime ore è possibile che si verifichino disservizi dell'istanza Poliverso


!Poliverso: notizie su friendica e sul fediverso italiano

Buongiorno a tutti gli utenti di Poliverso!

Benché friendica non sia stata investita dall'onda d'urto che ha visto migrare un numero rilevante di utenti twitter verso mastodon, l'istanza Poliverso ha subito un incremento di utenti costante e regolare.

Sebbene una parte degli utenti si sia trovata a disagio con le funzionalità di un social nuovo, diversi iscritti hanno iniziato a sfruttare una buona parte delle incredibili potenzialità di friendica!

Siamo decisamente molto contenti di questo successo che ripaga i sacrifici degli amministratori in termini di gestione dell'ambiente sociale e, soprattutto, di gestione dei server.

Proprio a questo proposito, dobbiamo comunicare che nelle prossime ore (e comunque per non più di un'ora) potrebbero verificarsi disservizi dovuti a una migrazione dal server originario a un nuovo server più performante.

Ci scusiamo per il disagio e, se possibile, vi avviseremo a ridosso delle operazioni di migrazione.

Buona giornata a tutti!

Gli amministratori
This entry was edited (2 weeks ago)
@Poliverso notizie dal fediverso wow, un power up!
Grazie per il vostro impegno e per l'opportunità

Looks nice, but where did he put the camera to stabilize it? In thin air? Is it a satelite or a drone that can fly for a whole day? Why are the clouds not moving away and is this scene really rotating around a center? Who filmed the take off of the moon landing when no astronaut was left there?
Spaceship Earth! 🌏


Perché il Web3 ci fa litigare https://www.guerredirete.it/perche-il-web3-ci-fa-litigare/
Per un periodo sono rimasto molto affascinato dalle blockchain. La trustlessness, la decentralizzazione, eccetera, sono prospettive accattivanti. Ma man mano che approfondivo, perdevo interesse per la tecnologia. Si tratta di una soluzione con tanti problemi, e cercare di risolverli pare inevitabilmente andare a vanificare le idee iniziali. Inoltre, non sono riuscito a trovarne applicazioni che non fossero sofisticate supercazzole per la speculazione finanziaria.
Credo ancora in un web decentralizzato, magari anche p2p dove possibile, ma non sono sicuro che le blockchain giocheranno un grosso ruolo. Non ritengo neanche che siano completamente inutili. Per me che sono privilegiato, Bitcoin è sinceramente inutile, se non magari proprio al fine di specularci finanziariamente, ma per qualcuno proveniente da qualche regime oppressivo magari non è così. Quello che dubito è che le cryptovalute riusciranno a diventare mainstream.
in altre occasioni avrei motivato o commentato il link nel condividerlo. Ma su questo argomento ho davvero letto tante discussioni che finivano velocemente per tendere al flame. Così ho trovato l'articolo ben titolato, e ho preferito non aggiungere altro. Un buon articolo, o perlomeno: mi ha dato una panoramica e informazioni che non avevo. Tutto il substack Guerre Di Rete è interessante, per quanto ho letto finora.

Credo che questi argomenti non possano che intrigare chiunque sia appassionato di informatica, su un piano concettuale.

La parola Blockchain oggi mi sembra quasi un marchio per dire che qualcosa è al passo coi tempi, sono sicuro che qualsiasi negoziante oggi esporrebbe merci "con blockchain!". Ho già visto tortelloni in busta con qr code che porta a una presentazione online del prodotto e sotto scritto BLOCKCHAIN!

Con questo voglio dire che anche la più promettente delle intuizioni dovrebbe avere valore per i problemi che risolve, e non diventare una specie di "brand".

Sulle criptovalute: quando sono il main sponsor della F1, forse significa che mainstream lo sono già, ma nello stesso senso di "blockchain" di prima. Spero davvero che possano aiutare qualcuno nei regimi oppressivi, ma devo fare uno sforzo di fantasia nell'immaginare qualcuno mandare denaro alla famiglia in difficoltà in criptovaluta. Risolverà problemi?
anch'io mi auguro una maggiore decentralizzazione e un "ritorno" al p2p. Il mio scenario ideale vedrebbe l'aumento di applicazioni che rendano meno complesso avvantaggiarsene. Programmi che basti aprire e usare, senza essere o improvvisarsi sistemisti.

Non facile ai livelli del "tutto e subito, tutto magico, tutto senza sapere come e perché" che ha portato allo scenario ipercentralizzato in cui ci si affida alle volpi che ti invitano a rilassarti che a te ci penseranno loro.

Quindi una giusta via di mezzo.

Da questo punto di vista, ad esempio, trovo Syncthing un piccolo capolavoro.
Sì, l'isteria attuale per le blockchain ricorda molto quella di 25 anni fa per il .com. Non che internet fosse uno scam (anche se molta gente pare lo pensasse, ho in mente un paio di episodi de I Simpson e di Futurama sul tema che sono invecchiati molto male), ma nessuno sapeva ancora che farci veramente, e contemporaneamente c'era tanto hype a riguardo perché era una tecnologia completamente nuova. Il risultato è che si facevano quindi investimenti basati sul suo presunto potenziale.1/n
Ora succede qualcosa di simile con le blockchain. Citando l'articolo, "Compra oggi il mio token per assicurarti la quota di un domani migliore". In cosa consisterà questo domani con le blockchain non è però chiaro credo a nessuno. Proprio perché è una tecnologia nuova ed eccitante, sembra che si stia provando ad applicarla in qualsiasi settore, anche se magari non ha molto senso. Credo di aver visto rubinetti "powered by blockchain technology". 2/n
L'esempio che citi tu è invece il tracciamento della filiera produttiva, l'applicazione della tecnologia più popolare in ambito commerciale: scannerizzi il QR Code per verificare sulla blockchain che queste uova provengono da una determinata gallina o boh qualcosa del genere. Sarà che magari non so nulla di 'ste robe, ma io non ho tanto capito come la blockchain, che non previene in alcun modo che la gente ci vada semplicemente a pubblicare delle frottole, sia utile in questo ambito. 3/n
Ho anche fatto molto ricerche a riguardo, ma non ho trovato spiegazioni che non fossero delle supercazzole. Sottolineo che non sono un esperto di tracciamenti di filiere, quindi sinceramente credo di potermi sbagliare. Al di là di questo, però, c'è la questione che quando scannerizzi quei QR Code vieni tipicamente portato sul sito dell'azienda che riporta info prese dalla blockchain. Ciò vanifica tutto: mi devo fidare che il sito non mi stia mentendo su quanto la blockchain sostiene. 4/n
A questo punto quelle informazioni potrebbero essere riportare semplicemente sul server del sito. L'ideale sarebbe che io vada a verificare direttamente sulla blockchain quanto è riportato, ma questo vuol dire mettere su un proprio nodo, che ha anche un costo significativo in termini di spazio di archiviazione. Una blockchain è essenzialmente un grosso file mantenuto da un network di computer, ognuno di questi ne conserva una copia, che aggiorna seguendo il protocollo della rete. 5/n
Questo file continua a crescere. Ethereum richiede spazio attorno a 1 TB. Avere un proprio nodo nella blockchain è l'unico modo per usare la tecnologia in modo da non renderla vana, ma fare ciò è scomodo. Infatti, quasi nessuno sta usando questo sistema nel modo giusto. Spesso trovi investitori che parlano di come questa roba sia "disruptive", ecc, ma quasi sempre quella stessa gente tiene i propri token sugli exchange da dove li hanno comprati. 6/n
Non possiedono davvero i token, hanno solo un credito nei confronti di questo intermediario. Si vanno quindi a fidare di un sistema centralizzato, nonostante questo atteggiamento sia contradittorio rispetto alla tecnologia che tanto osannano.
Perché non portano i propri token "on-chain"? A volte perché non comprendono davvero come funziona questa tecnologia e pensano che quella sia già la blockchain, altre volte perché onestamente neanche loro ci credono granché in sta roba. 7/n
In realtà è tutto solo per speculare, l'importante è che gli faccia fare soldi. Qua c'è secondo me la fondamentale differenza tra internet e blockchain: menate finanziarie a parte, internet è sempre stato utile, la gente lo usava per davvero, mentre sta rivoluzionaria blockchain pare non volerla usare nessuno. Le criptovalute saranno pure mainstream nel senso che ora tutti ne parlano e che moltissimi ci investono, ma non lo sono nel senso di vero e genuino utilizzo della tecnologia. 8/n
Comunque non conoscevo Syncthing, ho sempre cercato qualcosa del genere. Io nutro molto interesse per GunDB e simili, strumenti che permettono di realizzare applicazioni in cui i dati non vengono salvati su un server centralizzato.
PS: Invidio davvero tanto i tuoi messaggi lunghi, presumo sia una feature di Friendica. n/n
La tua catena di repliche la condivido interamente, non ho "stellinato" tutto per non fare un flood di notifiche.

Sì, la lunghezza dei post è una feature di Friendica. Tendo spesso a essere più verboso del necessario!

Provo a darti una stringatissima versione dei miei pro e contro di Friendica rispetto a Mastodon:

+ post lunghi
+ bbcode
+ federa con diaspora, ostatus/gnusocial
+ ripulisce i metadati dalle foto caricate
+ puoi seguire come fossero contatti anche feed rss
+ puoi collegarlo a twitter
+ puoi salvare i post organizzandoli in cartelle, categorizzare i contatti: così puoi avere tante timeline, una per ogni "cartella" di contatti
+ thread ben organizzati in post originale e commenti, tipo FB

- interfaccia più lenta e meno bella
- molti client sulla carta, ma nessuno ne sfrutta le caratteristiche e molti non funzionano affatto
- bbcode (sia pro che contro perché avere un solo stile per il testo rende tutto più ordinato)
- in generale molti limiti di Mastodon sono ben calibrati e scelti di proposito per migliorare l'esperienza generale (come non poter commentare citando)
- non offre un modo semplice per petsonalizzare i content warning e fornire una descrizione alle foto (bbcode)
- non è compatibile con i sondaggi (ma dovrebbe risolversi nelle prossime release)

Sicuramente ho dimenticato tanto, ma sono due software diversi e vale la pena usarli entrambi
Andiamo completamente OT, ma stica. Sono ancora nuovo a tutta questa roba purtroppo, sto cercando di capirne il pieno potenziale e vorrei sperimentare un po' di più con queste piattaforme. Mi chiedevo, ad esempio, se facessi un profilo su un'istanza di Friendica ci sarebbe modo di "collegarla" a questo mio profilo Mastodon? Non mi sono ancora informato a riguardo. Come avrai notato, anch'io tendo a essere prolisso, quindi Friendica mi tenta, o anche Misskey.
ah, bella domanda. Tra Mastodon e Friendica non so, ma un profilo Friendica può essere gestito da altri profili Friendica (esempio: profilo pubblico usato da un'associazione che può essere controllato dai profili dei singoli associati).

In ogni caso la maggior parte delle applicazioni permettono di stare collegati a più di un'istanza, eventualmente combinandone le timeline.
Fico, devo approfondire appena avrò tempo. Mi piacerebbe anche acquisire una più profonda comprensione di ActiivityPub.
sì, la finalità "strombazzata" era la tracciabilità di filiera. Ma in pratica ti portava su una pagina "volantino" del prodotto, e un pulsante "accedi per saperne di più" di un servizio di terze parti che mi sono ben guardato dall'usare pur mosso da genuina curiosità. Ancora un db centralizzato a cui dare in pasto dati sulle mie abitudini alimentari :-D


Content warning: argomento del cw


J. Alfred Prufrock reshared this.


Finalmente :Cat_girls_Emoji_003:

Per donazioni ad Autistici/Inventati ora si può usare il 5x1000:

https://www.autistici.org/donate#5permille

# # #


Ho letto molti articoli simili a questo. Francamente molti si somigliano tra loro: giornalista si iscrive a Mastodon, qualche giorno per capire "che aria tira", torna su Twitter a fare l'articolo per dire che # non è ancora pronto a rimpiazzare #, come se fosse questa la finalità.

In particolare mi ha colpito il seguente estratto, e chiedo a chi conosce la storia di questa rete: è accurato? Non siamo su una rete che ha un suo progetto alle spalle, ma su un atto di accusa?

In definitiva, Mastodon è nato più come un atto di accusa al monopolio aziendalistico delle big tech, che come un progetto fruibile vero e proprio.

Concludo il mio commento specificando che non odio Twitter e lo uso pure, per alcune esigenze. Ma accedo tramite #, in modo da non essere inseguito da suggerimenti e trend.
Sicuramente estrarre incipit linkando a notizie/approfondimenti rappresenta il duplice rischio di sentirsi un gradino sopra gli altri e/o non avere adeguati permessi. A questo proposito è mortificante prendere atto che solo una minima % dei siti web "socialmente impegnati" autorizza la condivisione con licenze CC mentre sono in bella mostra tutti i condividi secondo il vangelo di GAFAM.
Infatti facile sentirsi ingamba indicando l'autore, di una foto che non sia in pubblico dominio.
Ma coi produttori di contenuti per visibilità ingoiati dai Gafam, non si percepisce la possibilità che almeno e soprattutto quanto è in pubblico dominio potrebbe esser affidato a un hoster molto più imparziale nel lasciarlo fruire. E al contrario si percepisce come scontato poter a priori inglobare pezzi di materiali altrui.

@luigibertuzzi@galeot@informapirata

Chiaramente due di troppo 😁 (Bellissima davvero)

J. Alfred Prufrock reshared this.


Esattamente un anno fa moriva il grandissimo Kentaro Miura, che grande perdita.

che ti sei tatuato?
il simbolo, quello sul collo di Gatsu

J. Alfred Prufrock reshared this.


Sono passati trent'anni da quando Neil Gaiman e Dave McKean crearono "Death Talks About Life" dove Death, grazie all'aiuto di John Constantine, parlava di malattie trasmissibili.

lo ricordo ad una fiera di fumetti, distribuito gratis. Forse Lucca.

E chi ricorda lo scandaloso opuscolo di Lupo Alberto? 🙂

J. Alfred Prufrock reshared this.


"Se dovessi salvare per sempre un solo sito web dei giorni nostri, quale sarebbe?"

https://www.thiswebsitewillselfdestruct.com/

Nel tempo è sempre stato un grande supporto morale per me e sicuramente tanti altri. Ed anche persone magari poco abili socialmente possono ascoltare e sentirsi ascoltate. Veramente... magico.

2 people reshared this


J. Alfred Prufrock reshared this.


If/when instance admins on the fediverse decide to ban entire instances from connecting with theirs, they need to do so very responsibly and be 100% open and visible about it. And, I would argue, only in extreme extreme situations this should be done. This practice of banning instances is a very slippery slope and destroys all that the fediverse is.

When users have the power to ban other users and in some cases entire instances, then why on Earth are the admins taking such decisions that affect everyone?

I am sure that if this fediverse will become more popular it will get ruined by such practices. That's why I think the best is to have decentralized networks such as https://scuttlebutt.nz/ - that's a proper way of decentralizing. Not creating multiple twitters, but giving up on that idea of "a thing", but rather have people directly connect with other people.
This entry was edited (3 weeks ago)

4 people reshared this