Skip to main content

@Bevilacqua Gustavino beh... Ci sono libri che possono essere scritti e altri che possono essere comprati...😁 😄 🤣


Breaking news! Elon Musk will not buy either Mastodon or Friendica! Here because...




Why will Elon Musk not buy either Mastodon or Friendica? Here are 10 reasons why it won't!

1) Mastodon and Friendica were developed using free and Open Source software.
For this reason they cannot be "bought".
No: they can't be bought by Elon Musk either

2) For the same reason mentioned in point 1)

3) For the same reason mentioned in point 1)

4) For the same reason mentioned in point 1)

5) For the same reason mentioned in point 1)

6) For the same reason mentioned in point 1)

7) For the same reason mentioned in point 1)

8) For the same reason mentioned in point 1)

9) For the same reason mentioned in point 1)

10) For the same reason mentioned in point 1)


@minimalprocedure la purezza a tutti i costi è così impraticabile che anche tra questi tizi qui c'è qualcuno vestito all'occidentale...


@informapirata :privacypride:@Il Fenomeno@H9k@Leo@Adriana


@Generale Specifico comunque per il momento è finita...
-----------------------------------------
Abbiamo pianificato di eseguire questo strumento per alcuni giorni fino a quando non si è fatto strada nella meta di Fedi. Ma la reazione di tutti voi è stata molto più rapida e intensa di quanto avremmo mai potuto immaginare! Un grido a coloro che si sono resi conto che il recupero autorizzato impedisce al crawler di recuperare i propri post. Tecnicamente avremmo potuto mantenere viva la festa, ma avrebbe richiesto molte più risorse e nessuno di noi lo considera un investimento utile.

La parte più divertente è stata che l'ala destra è stata innescata dalla parola "problematico". Era nostra paura che usassero il nostro strumento per scopi dannosi. Tuttavia, una sola parola nel post dell'annuncio ci ha aiutato a evitarlo! Circa il 90% delle richieste che abbiamo ricevuto riguardavano istanze Pleroma alt-right.

Vale anche la pena menzionare a parte l'accenno alla Gibson che siamo legati a un'agenzia di intelligence.

Le richieste del GDPR non avevano molto senso per noi, anche se è stato divertente da vedere.

La parte più triste è stata Eugene Rochko che ci ha bloccato per "doxxing", in cui sicuramente non ci siamo impegnati. Pensiamo che ci considerasse un rischio PR, anche se minore. Quella reazione è stata deludente. Ma è probabilmente l'azione di moderazione più veloce che Mastodon.social abbia intrapreso negli ultimi anni.

Ci aspettavamo che almeno qualcuno si arrabbiasse con noi usando FingerprintJS, anche se sembra che nessuno se ne sia accorto.

In caso contrario, l'accoglienza è stata praticamente esattamente come ci aspettavamo. Vorremmo poter partecipare alla conversazione, invece di essere un osservatore esterno. Ma abbiamo raggiunto i nostri obiettivi: 1) forzare con successo un meta Fedi; 2) testare la resilienza della nostra architettura software; 3) sconvolgere tutti i fanatici della privacy; e 4) ottenere più istanze per abilitare il recupero autorizzato.

Rimane una domanda: perché tutti i pacchetti software Fediverse lasciano aperti gli endpoint dell'API C2S per i preferiti, i repost e le reazioni? È assolutamente inutile. Non sono usati per la federazione; in Mastodon, non vengono nemmeno utilizzati nell'app Web (anche se sembra che potrebbe cambiare nel prossimo futuro?). Sebbene Pleroma li usi, non riteniamo utile il loro caso d'uso.

Ti invitiamo a inviare per posta i manutentori del tuo pacchetto software per risolvere il problema, in modo da essere i primi (?) e gli ultimi a poter creare uno strumento accessibile pubblicamente come FediASINT.

Se qualcuno vuole chattare, la nostra email è sempre la stessa: undefined@aaathats3as.com. Dopo!
-------------------------------------------------------



@informapirata :privacypride:@Amolith


Il primo commento al testo del DL #Capienze così come approvato e modificato in Senato


Il commento dell'avv. Enrico Ferraris sulla prima lettura del testo del decreto capienze modificato e approvato dal Senato

Il testo del #DLCapienze approvato in Senato in sede di conversione, accogliendo alcune delle istanze emerse in fase di audizioni in Commissione Affari Costituzionali, presenta un art. 9 (in tema di protezione dei dati personali) completamente riscritto. In particolare

All'art. 2-ter sono stati aggiunti gli "atti normativi generali" ed è stato inserito il nuovo (famigerato) comma 1-bis che, pur leggermente modificato, appare derogare integralmente la previsione del comma 1, con una pericolosa apertura alla discrezionalità amministrativa

Tra i soggetti sono stati inserite le "società a controllo pubblico locale gestori di servizi pubblici".
È stato eliminato il paragrafo sull'informativa, che non faceva altro che parafrasare artt. 13-14 GDPR, ma aggiunto un riferimento all'art. 6 GDPR di dubbio significato.

Modifiche simili sono state introdotte all'art. 2-sexies in materia di particolari categorie di dati (ex sensibili), che non era stato toccato dal testo originario del DL, "previo parere del Garante della Privacy".
Sempre "nel rispetto del Regolamento", repetita iuvant.

È stata confermata la criticata abrogazione dell'art. 2-quinquiesdecies sui provvedimenti a carattere generale del Garante (con tutte le conseguenze del caso), ma - perlomeno - recuperata la disposizione dell'art. 132.5 sulle misure di garanzia per dati di traffico

Anche i trattamenti di dati "per fini di sicurezza nazionale o difesa" da parte di "soggetti pubblici" potranno essere effettuati sulla base di regolamenti o atti amministrativi di carattere generale e non solo (più) sulla base di "espresse disposizioni di legge"

A partire dal 01/01/2022 è stato aumentato il numero del ruolo organico del personale dipendente del Garante, da 162 a 200 unità.
Una goccia nell'oceano, numeri ancora molto lontani dalle reali esigenze del #GarantePrivacy.

Qui il link a Twitter
https://twitter.com/ebobferraris/status/1461371655163453451


E il link a nitter
https://nitter.unixfox.eu/ebobferraris/status/1461371655163453451


Quando si sente parlare di privacy, si pensa spesso a quei fastidiosissimi banner sui cookie che ci assillano da un sito all'altro. Se non sono quelli, saranno i moduli da firmare, oppure i termini di servizio quando ci si registra a un sito... Insomma, niente di divertente.

Eppure è davvero questa la privacy? O è prima di tutto - ancor prima di queste faccende burocratiche fatte per sfiancare le persone - la nostra sfera privata, fisica e mentale?

Privacy sono, per esempio, quei 5 minuti per sé che tanto si desiderano. Quei momenti dove si vuole cantare senza che nessuno ci senta, o provare un discorso, o ridere, o piangere. Privacy è sbagliare senza essere giudicati: metabolizzare, riflettere, crescere. È scegliere chi entra nella nostra intimità, a chi raccontare.

La privacy non è un banner dissuasivo sullo schermo. La privacy è una parte fondamentale di noi

https://privacypride.org
(lasciate arco e frecce a casa 🦆)


Quando tutto l'ecosistema di #Facebook #Instagram e #WhatsApp è in palla, ma tu te ne accorgi solo su Friendica... 😁 😄 🤣