Skip to main content


Un articolo del Guardian riprende i temi del #PrivacyPride


John Naughton è professore di comprensione pubblica della tecnologia presso la Open University. È l'autore di Da Gutenberg a Zuckerberg: cosa c'è davvero da sapere su Internet.

«Gli storici del futuro si chiederanno come un piccolo numero di organizzazioni, che vennero chiamate #BigTech (#Alphabet, #Amazon, #Apple, #Facebook e #Microsoft), abbiano acquisito e iniziato a esercitare poteri straordinari. Hanno registrato e monitorato tutto ciò che abbiamo fatto online: ogni e-mail, tweet, blog, fotografia e post sui social media che abbiamo inviato, ogni "mi piace" che abbiamo registrato, ogni sito web che abbiamo visitato, ogni ricerca su Google che abbiamo fatto, ogni prodotto che abbiamo ordinato online, ogni luogo abbiamo visitato, a quali gruppi appartenevamo e chi erano i nostri amici più cari.»

Infine, vogliamo sottolineare questo passaggio:

«Nelle democrazie contemporanee, tuttavia, nessun partito politico fa campagne su una piattaforma del genere, per il semplice motivo che gli elettori non sembrano essere così interessati al potere tecnologico. Non è del tutto sorprendente: la comprensione pubblica della tecnologia digitale è limitata dalla sua formidabile complessità. Ancora più importante, poiché Internet e i servizi che funzionano su di esso sono diventati intimamente intrecciati con la vita quotidiana delle persone, ne sono diventati dipendenti, una dipendenza che è stata vividamente sottolineata dalla pandemia.»

Sembra che il prof. John Naughton abbia colto il tema principale del #PrivacyPride: un grido di allarme rivolto alla politica; una immediata richiesta di soccorso; una mobilitazione di tutti i cittadini in quanto elettori per dire basta a questo disinteresse irresponsabile se non complice.

Ringraziamo @nilocram per averci segnalato questo articolo illuminante

Di John #Naughton su #TheGuardian
https://www.theguardian.com/technology/2021/nov/21/can-big-tech-ever-be-reined-in
L'articolo che ci hai segnalato @nilocram è così sintonizzato con i principi del #PrivacyPride :privacypride: che questo ci fa sperare nel fatto che forse i tempi sono maturi per chiedere a tutta la politica di intervenire urgentemente su questi temi

@informapirata@poliverso.org
L'articolo del Guardian è un promemoria su quanto sia indifferibile sensibilizzare le persone sull'importanza della privacy, anche alla luce della sempre più diffusa invasività dei sistemi di monitoraggio digitale.

Ricordiamo a questo proposito il link al gruppo telegram del #PrivacyPride, dove sarà possibile seguire e discutere nello specifico gli aggiornamenti sulla questione
https://t.me/PrivacyBeneComune

@informapirata@poliverso.org


BigTech complice dei regimi - Il thread di Alexey #Navalny su #Twitter


Se qualcosa mi ha sorpreso nelle ultime elezioni, non è stato come Putin ha forgiato i risultati, ma come l'onnipotente Big Tech si è trasformato obbedientemente nei suoi complici.
I giganti #Apple e #Google hanno soddisfatto le richieste del Cremlino e rimosso la nostra app dai loro negozi. Il mio amato YouTube ha cancellato il nostro video e il messenger di Telegram ha bloccato il nostro bot.
Questi programmi, che Putin definisce "estremisti", contenevano solo informazioni sui candidati dell'opposizione nel vostro collegio elettorale.
Per legge e buon senso, ognuno di noi ha il diritto di fare campagna elettorale per votare (o non votare) per qualsiasi candidato.
Nel nostro caso, l'intenzione stessa di organizzare gli elettori al fine di esercitare una pressione competitiva sul partito di governo è stata dichiarata criminale e Big Tech ha concordato con questo.
Ciò significa che riconosce il diritto di un ladro autoritario di soggiogare Internet, trasformandolo in uno strumento di presa del potere.
Una cosa è quando i monopolisti di Internet sono governati da simpatici nerd amanti della libertà con solidi principi di vita.
È completamente diverso quando i loro responsabili sono sia codardi che avidi.
Una delle sfide moderne è che i falsi profeti ora vengono da noi non travestiti da pecore, ma con felpe con cappuccio e jeans allungati. In piedi davanti ai grandi schermi, ci raccontano di "rendere il mondo un posto migliore", ma dentro sono bugiardi e ipocriti.
I media scrivono che il Cremlino ha costretto Big Tech a fare concessioni mostrando loro un elenco dei loro dipendenti da arrestare. Se è così, tacere è il peggior crimine. Questo è l'incoraggiamento di un terrorista che prende ostaggi.
So che la maggior parte di coloro che lavorano in Google, Apple, ecc. sono persone oneste e buone. Li esorto a non sopportare la codardia dei loro capi.
Non posso fare a meno di dire che sono terribilmente turbato e deluso da Pavel #Durov da Telegram. Non mi aspettavo di vederlo nella lista dei "blockers" di Putin.
Non molto tempo fa, ho parlato a una manifestazione contro il blocco dello stesso Telegram da parte del Cremlino.
E l'avrei fatto di nuovo, tra l'altro. Il fatto che qualcuno tradisca i propri principi non significa che dovremmo dubitare dei nostri.



.