Skip to main content


Fare un cloud usando CPU fatte negli USA, server fatti negli USA con componenti cinesi , e software sviluppato altrove, puo' darvi tante cose ma non un cloud "nazionale".
Dal blog di @Loweel
https://keinpfusch.net/i-piani-per-il-cloud/
I Power sono di proprietà dell'IBM, ma hanno li hanno resi "Open" nel senso che puoi fare un esame dei componenti se necessario come sicurezza. E' un enorme vantaggio rispetto ad altre piattaforme se vuoi una macchina "sicura". Li potete vedere qui. Sono fatti più come Workstations per prezzi e caratteristiche.
https://www.raptorcs.com/
Una soluzione totalmente "open" sarebbero i Risc-V sviluppati da un consorzio, a cui poi diverse compagnie adottano lo standard aperto facendo processori compatibili. Per ora ci sono solo dev-boards, ma vedo che fanno progressi sullo sviluppo. Se si volesse un sistema "nazionale", si potrebbe prendere questo progetto e stamparlo "in casa".
https://riscv.org/

Informa Pirata reshared this.

@Iswyrm RISC-V è un'interessante scenario per il futuro, ma vorrei farti notare che, pur non essendo una novità, la stampa italiana, anche quella di settore, sembra nutrire un disinteresse molto sospetto nei confronti dell'argomento. Il ché mi lascia pensare che non ci sia tutta questa volontà di dare spazio a un progetto del genere in Italia...
Non sia mai che Washington ci rimanga male 🤣

@Loweel
E' una realtà dei fatti che ha sempre guidato il mondo, vengono prima di tutto gli intrecci tra accordi e interessi anche quando questi vengono contro il proprio tornaconto, creando scenari paradossali ma terribilmente attuali.
Sempre paradossalmente, e' chi agisce con poco ma è consapevole che può farsi mezzi migliori.
non puoi agire con poco nel mondo delle CPU. I costi sono immensi.
"Poco" è in senso relativo, a come sfrutti quello che hai in mano.
Mi viene in mente che l'Air Force degli US una decina di anni fa ha creato un supercomputer saldando assieme quasi due migliaia di playstation 3, ed è stato conteggiato tra i primi 50 supercomputers del mondo. Mica male :D. Molti usarono la PS3 perché era sia economica e il processore davvero potente, se non sbaglio un derivato dei PPC IBM.
ah, beh, se usi la piattaforma con piu’ vendor lock-in e brevetti per centimetro quadro della storia , come la playstation, allora sei davvero diventato autonomo.
No, è per dire un'altra cosa: manca la volontà per cercare soluzioni diverse fuori da quelle che danno i "consulenti" a cui i governi ed entità legate si appoggiano. In questo senso le PS3 sono state un'idea fuori da questi schemi che tagliava i costi di altri supercomputer, ma non invidio assolutamente il casino di fare manutenzione a più di un migliaio di schede quando una si rompe. :D
Questo va tutto a scapito della società, perché se anche altre compagnie offrono soluzioni più adatte in senso della sicurezza, efficienza energetica o costi, o anche solo la gestione, passa tutto inosservato perché i manager non muovono i dito dai loro abituali fornitori.
Non è sfondare una porta aperta, diciamo che la porta non c'è proprio...
La didattica a distanza sotto il Covid ha detto tutto al riguardo, il governo si è adagiato solo su quello che hanno dato i Big e se ne è sbattuto se nella popolazione c'è chi ha altre esigenze o problemi, come la connessione. Se anche proposte diverse c'erano non avevano il marchio e chissenefrega... :/
cool.
su RISC-V sfondi una porta aperta. Ma il problema e’ che nessuno lo fara’. Se e’ per questo STM possiede una licenza per l’ ISA di MIPS, quindi si potrebbe usare anche quello, ma non lo si fara’. Le soluzioni esistevano gia’.

Informa Pirata reshared this.

lo hanno fatto i cinesi con i processori loongson.